HOME > La società Elefante > La storia della Società Elefante > Prima dell’Elefante

Prima dell’Elefante

Nella seconda metà dell’Ottocento nascono in Italia le prime Società di Mutuo Soccorso per l’assistenza e l’istruzione popolare. Anche a Siena prendono vita moltissime associazioni.

Nell’agosto del 1872, nel nostro rione, viene fondata la Società di Mutuo Soccorso del Ventaglio per sostenere e aiutare economicamente e moralmente i propri soci più bisognosi, prevedendo l’elargizione di sussidi in caso di malattia o di impossibilità a mantenersi.

Nel 1877 la Società del Ventaglio istituisce una scuola serale per gli operai del rione; si interessa anche del problema delle abitazioni nel territorio della Contrada, sollecitando soluzioni da parte del Comune. Per il suo impegno riceve nel 1882 il diploma di riconoscimento dal comitato genovese per l’inaugurazione del monumento a Giuseppe Mazzini e nel 1898 la medaglia d’argento all’esposizione nazionale di Torino.

Negli anni della prima guerra mondiale promuove forme di aiuti e di assistenza ai cittadini, ai soldati e alle loro famiglie.

Con l’avvento del fascismo iniziano, come per tutte le associazioni di mutuo soccorso e assistenza, le prime difficoltà e la progressiva decadenza. Alla fine del 1933, dopo il risanamento di Salicotto, la Società del Ventaglio si ritrova priva anche della propria sede: si comincia a parlare di fusione con la Società Elefante. Il 31 dicembre 1935 viene infine sancito lo scioglimento del Ventaglio, che dona alla Contrada i propri oggetti e arredi.

Va ricordato che prima del Ventaglio, intorno al 1870, viene costituita nella Torre una Società di “carattere intimo”, denominata La Tazza, il cui fine è quello di provvedere al finanziamento della Contrada per la vincita del Palio.

Accade inoltre…

In questi anni la Torre vince più volte il Palio: il 4 luglio 1875, il 16 agosto 1882, il 16 agosto 1893, il 2 luglio 1895, il 2 luglio 1896 e il 25 agosto 1896 realizzando il cappotto, il 16 agosto 1905 e il 13 settembre 1910.

Nel 1878-1879 si ha il rinnovo dei costumi del corteo storico del Palio.

Tra il 1893 e il 1894 viene ristrutturato il tetto dell’oratorio e realizzato il pavimento in marmo e nel 1901 viene costruito il campanile e vengono poste le nuove campane.

Nel 1889 si costituisce la Società delle Donne, divenuta in seguito Gruppo Donne della Stanzina.

Nel 1894 viene istituito il Magistrato delle Contrade.

Nel 1902, per l’Ottavario della Domenica in Albis, viene esposta l’immagine dell’Immacolata Concezione conservata nell’oratorio di Contrada.

Nel 1904 si rinnovano ulteriormente i costumi del corteo storico.